La progettazione della Brand Identity aziendale è un lavoro troppo spesso bistrattato, scarsamente considerato dalle imprese e, di conseguenza, affidato alla tipografia di turno oppure al ragazzo che “ha appena terminato l’istituto d’arte”.

Senza voler togliere nulla ai tipografi, che ricordiamolo sono specializzati nella stampa dei materiali e non nella progettazione, e ai ragazzi appena diplomati, è giusto che questo lavoro, importantissimo e vitale per un’azienda, venga affidato a un professionista o a un’agenzia specializzata. Troppo spesso le imprese non vedono nella comunicazione un’opportunità, ma semplicemente un costo che non si vuole affrontare perché ritenuto inutile.
Ripeto: è fondamentale affidare la creazione del logo della tua azienda a dei professionisti.

Perché affidare la creazione di un logo a un professionista?

In primo luogo bisogna considerare due elementi fondamentali: la conoscenza e l’esperienza.

Un professionista possiede una formazione specifica per il settore in cui opera: un avvocato è un esperto di diritto, un commercialista un esperto di bilanci, un dentista di tutto ciò che concerne i denti. Non credo tu affidi il tuo sorriso all’assistente del dentista, oppure a un dermatologo solamente perché alle fine “sempre un medico è, qualcosa sui denti lo avrà imparato su uno dei tanti libri che ha studiato.”

Un graphic designer, o meglio ancora un logo designer, è un professionista che ha studiato e che ha una conoscenza specifica per fare quel tipo di lavoro: disegnare il logo e il marchio per la tua azienda.

E come per tutti i professionisti, se uno è alle prime armi e ha poca esperienza produrrà un lavoro non eccellente ma avrà un costo inferiore rispetto a uno che ha anni di esperienza e decine di loghi progettati sulle spalle.

Non mi sembra ci sia nulla di complicato, ma a quanto pare e da quello che si vede in giro non è così.

Come deve essere un logo e quali caratteristiche dovrà avere

Un logo è il primo elemento che l’occhio umano vede su un supporto di comunicazione: insegna, biglietto da visita, foglio lettera. È il primo elemento con il quale una persona si interfaccia quando ha a che fare con un’azienda, e proprio per questo motivo dovrebbe essere riconoscibile, differente e unico rispetto alla concorrenza, e dovrebbe trasmettere i valori e le caratteristiche dell’azienda e del settore in cui essa opera.

È l’elemento che racconta un’azienda e la sua storia, lo stile aziendale, per cui la scelta dei colori, del font, degli accostamenti tra i vari elementi sono caratteristiche fondamentali e vitali.

Ecco un cattivo esempio di logo aziendale.

Logo SoavexLogo Scottex

L’azienda proprietaria del marchio Soavex ha deciso di fare guerra alla concorrente (e leader di settore) Scottex copiandole, nella sostanza, il marchio.

E visto che si sono trovati, hanno pensato anche di scopiazzare il packaging, per non lasciare nulla al caso.

Pack SoavexPack Scottex

In un mercato complicato come quello odierno, con settori saturi e decine e decine di aziende concorrenti, distinguersi e differenziarsi è l’unica salvezza. Pensare di attaccare una delle aziende più forti sul mercato scopiazzandone l’identità è un suicidio commerciale e l’unico modo per differenziarti è sul prezzo.

Per cui le prime due caratteristiche che deve avere il tuo logo sono l’unicità e la riconoscibilità.

A queste poi vanno associate anche altre caratteristiche più tecniche:

  • equilibrio
  • gradevolezza grafica
  • riproducibilità su tutti i supporti di comunicazione aziendale
  • semplicità
  • riconoscibilità in bianco e nero o in negativo
  • deve durare nel tempo e non essere “alla moda”

Come nasce un logo in arcadia? In cosa siete diversi rispetto ad altri professionisti e ad altre agenzie e perché dovrei scegliere voi per la creazione del logo della mia azienda?

Arcadia è un’agenzia strutturata, composta da un team di persone altamente specializzate nei propri settori di competenza. E questo ci differenzia rispetto ad altre realtà: i progetti li curiamo internamente, in prima persona, senza esternalizzarli ad altri professionisti. Il cliente sa di essere seguito, coinvolto nei processi e informato costantemente su quello che si fa.

La risoluzione di eventuali problematiche avviene in maniera rapida e definitiva perché siamo noi che abbiamo lavorato al progetto, nessuno lo conosce meglio di noi, e non dobbiamo contattare collaboratori esterni che eventualmente sono in vacanza in quel momento e non possono risolvere nulla. O non possono apportare modifiche o operare sul progetto.

Quando lavoriamo a un progetto non lo facciamo a tenuta stagna relativamente all’area di competenza, ma coinvolgiamo tutti i reparti, perché è giusto che ognuno dica la sua sia dal punto di vista tecnico sia dal punto di vista strategico. Faccio un esempio.

Se dobbiamo lavorare alla progettazione di un logo per un’azienda, la prima cosa che facciamo è una riunione con tutti i reparti e tutto il personale. Tutti devono conoscere il cliente e i suoi obiettivi, il settore di appartenenza, il target di riferimento, la tipologia di lavoro, i tempi di produzione. Fatto ciò, ognuno per le proprie competenze svolge un’analisi del settore, del cliente e della concorrenza e invia un proprio report al reparto grafico. Questo perché il logo che si andrà a progettare verrà utilizzato per tutta la comunicazione: sito web, social media, materiale stampato, gadget, ecc… per cui è indispensabile che il reparto grafico abbia un report da parte di tutti.

Fatto questo, il reparto grafico mette insieme le varie relazioni, effettua una sua ulteriore ricerca e analisi tenendo presente i nuovi dati in suo possesso e poi inizia la fase di progettazione vera e propria del logo.

Generalmente la creazione di un logo ha una tempistica che non può essere inferiore ai 20/30 gg. lavorativi, in quanto il lavoro di ricerca, progettazione, confronto viene svolto minuziosamente.

Posso assicurarti che questo modus operandi lo adottano poche aziende, pochi professionisti. La maggior parte chiude il contratto, prende l’acconto, si siede alla scrivania e inizia la progettazione del logo. 2 giorni e ti invia la bozza. Casomai è anche carino, accattivante, piace, sembra funzioni. Il cliente da l’ok e si procede alla modulistica e a tutto il resto. Lavoro chiuso, lavoro saldato. Rapido, indolore.
Poi passa qualche settimana e per caso scopri che quel logo visto su quel sito somiglia al tuo, oppure che i colori scelti non tanto ci azzeccano poi con il tuo settore, oppure il carattere usato non è che poi funzioni tanto associato al simbolo….
Un logo è come un diamante: è per sempre! È vero che è possibile cambiarlo, modificarlo, modernizzarlo, ma l’anima deve rimanere sempre la stessa. Assicurati che fin dall’inizio il tuo logo abbia un’anima. La Tua.

Hai bisogno di un logo per la tua azienda o stai pensando che forse il tuo è un po’ datato e dovresti fare un restyling?


Sei interessato ai nostri servizi? Scrivici!

 

Logo Design: l’importanza di affidarsi a professionisti ultima modifica: 2017-12-01T12:39:45+00:00 da Giancarlo Ferrucci
The following two tabs change content below.
Giancarlo Ferrucci

Giancarlo Ferrucci

Digital Strategist
È responsabile per il design e le performance dei progetti web dell'agenzia e consulente di Web Marketing, SEO, SEM, eMail Marketing, Web Analytics. Ha il compito di monitorare le performance dei siti e studiare le strategie web migliori per raggiungere gli obiettivi prefissati. Legge libri di web marketing, romanzi storici e thriller. Appassionato di fotografia rurale e agricoltura, quando ha un’ora libera si dedica alla cura del vigneto, all'orto di famiglia e a uscite in bici con reflex al seguito.

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento!


Sei interessato ai nostri servizi? Scrivici!